La classificazione dei rifiuti è stata oggetto di un aggiornamento normativo, a seguito dell’ingresso in vigore della legge 11/08/2014 N°116 , legge di conversione del c.d. DL “Competitività”. La legge è in vigore dal 18/02/2015, e modifica l’allegato ‘D’ del D.Lgs. 152/06, definendo nuove modalità per la classificazione dei rifiuti, a carico del produttore (Confronta Art. 13 –comma 5, L. 116/2014, ndr)

Nello specifico l’articolo 13 – comma 5, prevede:

all’allegato D alla parte IV e’ premessa la seguente disposizione: Classificazione dei rifiuti

  1. La classificazione dei rifiuti e’ effettuata dal produttore assegnando ad essi il competente codice CER, applicando le disposizioni contenute nella decisione 2000/532/CE.
  2. Se un rifiuto e’ classificato con codice CER pericoloso‘assoluto’, esso e’ pericolososenza alcuna ulteriore specificazione.
  3. Le proprieta’ di pericolo, definite da H1 ad H15, possedute dal rifiuto, devono essere determinate al fine di procedere alla sua gestione.
  4. Se un rifiuto e’ classificato con codice CER non pericoloso ‘assoluto’, esso e’ non pericoloso senza ulteriore specificazione.
  5. Se un rifiuto e’ classificato con codici CER speculari, uno pericoloso ed uno non pericoloso, per stabilire se il rifiuto e’ pericoloso o non pericoloso debbono essere determinate le proprieta’ di pericolo che esso possiede. Le indagini da svolgere per determinare le proprieta’ di pericolo che un rifiuto possiede sono le seguenti:

a) individuare i composti presenti nel rifiuto attraverso:

  • la scheda informativa del produttore;
  • la conoscenza del processo chimico;
  • il campionamento e l’analisi del rifiuto;

b) determinare i pericoli connessi a tali composti attraverso:

  • la normativa europea sulla etichettatura delle sostanze e dei preparati pericolosi;
  • le fonti informative europee ed internazionali;
  • la scheda di sicurezza dei prodotti da cui deriva il rifiuto;

c) stabilire se le concentrazioni dei composti contenuti comportino che il rifiuto presenti delle caratteristiche di pericolo mediante comparazione delle concentrazioni rilevate all’analisi chimica con il limite soglia per le frasi di rischio specifiche dei componenti, ovvero effettuazione dei test per verificare se il rifiuto ha determinate proprietà di pericolo.

5. Se i componenti di un rifiuto sono rilevati dalle analisi chimiche solo in modo aspecifico, e non sono percio’ noti i composti specifici che lo costituiscono, per individuare le caratteristiche di pericolo del rifiuto devono essere presi come riferimento i composti peggiori, in applicazione del principio di precauzione.

6. Quando le sostanze presenti in un rifiuto non sono note o non sono determinate con le modalità stabilite nei commi precedenti, ovvero le caratteristiche di pericolo non possono essere determinate, il rifiuto si classifica come pericoloso.

7. La classificazione in ogni caso avviene prima che il rifiuto sia allontanato dal luogo di produzione”»

Dopo il comma 5 e’ inserito il seguente 5-bis:

Le disposizioni di cui alla lettera b-bis) del comma 5 si applicano decorsi centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.