Le imprese o gli stabilimenti che provvedono al trattamento, allo stoccaggio o al deposito di rifiuti per conto di terzi devono ottenere dall’autorità competente un’autorizzazione in cui siano indicati in particolare i tipi e i quantitativi di rifiuti da trattare, i requisiti tecnici generali e le misure precauzionali da adottare.Periodicamente le autorità competenti possono effettuare controlli sul rispetto delle condizioni di autorizzazione. Le imprese che provvedono al trasporto, alla raccolta, allo stoccaggio, al deposito o al trattamento dei rifiuti, propri o altrui, sono soggette allo stesso tipo di sorveglianza. I centri di recupero e le imprese che provvedono esse stesse allo smaltimento dei propri rifiuti devono ottenere anch’essi un’autorizzazione.

E’necessario pertanto, onde evitare sanzioni di tipo penale ed amministrativo, provvedere alla richiesta di tali autorizzazioni agli enti preposti, e richiedere sempre copia delle autorizzazioni dei trasportatori e dei destinatari dei rifiuti, per accertarsi di accettare o consegnare rifiuti da/presso aziende autorizzate.