polietilene

 

La legge 116/2014 chiarisce il campo di applicazione relativo alla disciplina sul recupero e riciclo di beni in polietilene (Polieco), stabilendo che si riferisce a “beni composti interamente in polietilene”, indicando un’elenco in via transitoria di tali beni a cura del Ministero dell’Ambiente in concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico.

Ma chi è POLIECO? E’ il consorzio nazionale con il fine di gestire la raccolta ed il trattamento dei rifiuti di beni in polietilene destinati allo smaltimento. Al consorzio sono tenuti ad iscriversi tutti i produttori e gli importatori, gli utilizzatori ed i distributori di beni in polietilene, e i riciclatori di rifiuti di beni in polietilene.

Fino a quando non verrà emanato tale decreto, si riterranno intesi come beni in polietilene “i teli e le reti ad uso agricolo quali i film per copertura di serre e tunnel, film per la copertura di vigneti e frutteti, film per pacciamatura, film per insilaggio, film per la protezione di attrezzi e prodotti agricoli, film per pollai, le reti ombreggianti di copertura e protezione”.

poliecoChi deve iscriversi a POLIECO? Sono soggetti all’obbligo di iscrizione al Polieco i produttori e gli importatori, gli utilizzatori e i distributori dei beni sopra indicati, nonché i riciclatori e i recuperatori dei rifiuti di tali beni. Coloro che risultano iscritti al consorzio, ma che con la variazione normativa, non dovesse essere più soggetto all’obbligo di iscrizione, può richiedere di recedere da Polieco, diversamente, gli obblighi a cui sono assoggettati i consorziati continueranno ad aver vigore.